Panna cotta al cioccolato bianco e mirtilli

Odio il perbenismo. I calzini spaiati e la mancanza di ironia. Le persone intolleranti, quelle che che esiste solo il loro modo di fare le cose. Odio il caldo afoso e la sveglia delle 7.30. Il traffico e chi suona il clackson solo perché è gratis. Odio stirare. Si dice che una donna smette di essere un’amante quando comincia a stirare le camicie, se è così ci sono buone probabilità che io resti tale a vita. Odio i jeans strettissimi, gli abiti attillati, il tanga e i push-up, e non venitemi a dire che in fondo sono comodi…

Non sopporto gli uomini troppo sicuri di sé,  quelli che si sentono playboy senza accorgersi di essere solo la caricatura di se stessi. Quelli che parlano solo di sè e ripropongono sempre la stessa battuta. E il romanticismo a tutti i costi, che mi imbarazza e alla lunga mia annoia pure.

Odio le barbabietole e Barbara D’Urso e mi stupisco del fatto che a qualcuno possano piacere…Odio chi non rispetta il silenzio e gli spazi altrui, chi farebbe tutto per soldi, chi ti riempie di parole senza avere niente da dire e chi ti chiede come stai ma non ascolta mai la risposta. Odio chi va sempre a letto presto la sera, i lamentosi cronici e chi non si stacca mai dallo smartphone, neanche a tavola.

Però mi piace Matthew McConaughey, stare sul letto coi capelli bagnati, l’odore dei negozi vintage e Babbo Natale. Mi piace il cielo che si prepara al temporale e stare li a fissarlo un minuto prima che piova. Apprezzo le persone che non si prendono troppo sul serio, che sono capaci di sognare e tornare bambini ogni tanto. Mi piace la nutella, e non ditemi che c’è qualcuno a cui non piace! Adoro i maglioncini a righe da marinaretto, e sono anche le uniche righe in cui sono disposta a stare.

Mi piace il blu: il cielo blu, gli abiti blu, la frutta blu. Mi piacciono persone che hanno delle stranezze, una curva di particolarità, il peso delle esperienze e una certa eccentricità. Che conservano la bellezza nell’imperfezione, nelle tracce di non banalità (cit.). Mi piacciono i film degli anni 80 e passare la domenica in pigiama a suonare l’ukulele. Ho un debole per gli uomini che riescono a farmi ridere e che sanno cucinare. E ho una passione sfrenata per il cioccolato bianco e i mirtilli freschi.

 Panna cotta al cioccolato bianco e mirtilli

20130914_184843

Mirtilli

Ingredienti (x2 bicchierini)

-125 ml di latte
– 125 ml di panna fresca
– 25 g di zucchero semolato
– 50 g di cioccolato bianco
– 2 g di gelatina in fogli (o agar agar)
– mirtilli freschissimi

Preparazione:

Raccogliere in una casseruola il cioccolato bianco grossolanamente spezzettato insieme al latte, alla panna e allo zucchero. Portare a leggero bollore mescolando per far fondere completamente il cioccolato. Mescolare più volte per mantecare bene il cioccolato. A questo punto unire la gelatina (fatta ammollare per qualche minuto in acqua fredda) e mescolare nuovamente fino a quando si sarà completamente sciolta. Filtrare il composto e versalo nei bicchieri prescelti. Lasciar raffreddare a temperatura ambiente, e ogni tanto mescolare il composto per evitare il cioccolato stratifichi. Mettere le coppette in frigorifero per 4-6 ore o comunque fino a quando la panna cotta si sarà solidificata. Ricoprite con una valanga di mirtilli freschissimi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...