Giocare a far ghiaccioli, aspettando la partenza

IMG_1342

Guardatelo bene: questo di oggi è un giochino per bambini mica una ricetta!
Uno svago da vecchia ragazza con un sacco di cose da fare, un frigo mezzo vuoto perché qua siamo in partenza, tanto caldo e poca  voglia di mettersi ai fornelli…e un insopprimibile istinto a giocare.

Ho la testa piena di idee in questo periodo: di idee e di nuvole, che ogni tanto passano e si portano via un pensiero che non ho fatto in tempo a fissare. Dovrei girare con un taccuino appresso, e una penna per fermare ogni istante. Avrei bisogno di fare ordine adesso e mettere a posto le cose, soprattutto nella mia testa. E so già che a settembre arriverà il momento di prendere delle decisioni che rimando ormai da qualche tempo…

Sto facendo un po’ di esperimenti, alcuni un po’ strampalati ma ormai ho capito che sono fatta così! Non riesco sempre a farne un post però impilo diligentemente foglietti con dosi, pesi e proporzioni, note a margine e punti interrogativi, persino frecce quando le strade percorribili sono due. E’ che mi ci vorrebbe un semaforo, in testa, per evitare gli ingorghi. Ma io questo semaforo non ce l’ho, così finisce sempre che a passare per prima siano i miei pensieri, veloci e contorti.

E allora basta un niente, una finestra aperta, un colpo di vento che scompiglia fogli e pensieri: e il mio tavolo torna quello di prima, una catena montuosa di libri, agende, ritagli di giornale, biglietti di appunti. E posso metterci giorni a ritrovare la strada. Non ricordo chi diceva che bisogna perdersi un po’ prima di ritrovarsi davvero…

Così funziona un pò il mio “dietro-le-quinte” in questo periodo: e scusate se ve lo racconto, invece che parlare seriamente di ricette. Ma d’altra parte non posso mica fingere che fare ghiacciolini sia una cosa seria! Anche se, vi assicuro, è molto divertente. Quasi quanto mangiarseli 😛

La ricetta (se così vogliamo chiamarla) è fatta solo da 3 ingredienti: yogurt (senza lattosio), frutta e un cucchiaino di miele per dolcificare. Io li ho preparati con yogurt e lamponi. Poi potete sbizzarrirvi come volete con gusti e colori. A me piacciono un sacco e soprattutto mi piace mangiare yogurt e frutta così, giacciati su uno stecco, mai smesso di amare quello che piace ai bambini, non c’è niente da fare! 🙂

Con il caldo che li scioglie, le dita che danzano appiccicose sulla tastiera, il biglietto pronto per il primo dei voli che mi porteranno sulle Isole Azzorre.

Prossimamente su questi schermi:

– Finalmente faccio la valigia stagione 1
– Cosa mi porto? Tanto non ho niente da mettere. Come sempre.
– Cose da non dimenticare: reflex, caricabatterie e spazzolino.
Che poi ogni anno giuro che sarà un bagaglio inesistente e poi questa str… non si chiude mai! Infila il terzo paio di scarpe e il cappello di paglia nella valigia del Mangiapanini che è mezza vuota e ritenta. E l’ukulele? Io voglio portare anche l’ukuele! Il Mangiapanini sta per avere un esaurimento…
– Evvai si chiude!
– Più tardi in aereoporto: “Caz… lo spazzolino!”

La verità è che mi annoierei se non avessi questa vita tra i piedi! Buon viaggio. A chi viaggia con il corpo e con la mente. E a chi come me dimentica sempre qualcosa…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...