Cioccolato che passione! Le Novità del Salon Du Chocolat 2017

 

 

Anche quest’anno sono stata al Salon Du Chocolat, una manifestazione dedicata interamente al cioccolato, un must imperdibile per gli appassionati come me.

Rispetto allo scorso anno il numero degli espositori è raddoppiato e il programma è stato ricco di novità e di personaggi. Provate ad immaginarvi il profumo di cioccolato persistente, assaggini a destra e a manca uno stand dopo l’altro, sculture di cioccolato originali e una marea di showcooking tenuti dai più grandi chef pasticceri… eccoli tutti lì: Gualtiero Marchesi e Iginio Massari insieme ai loro “allievi” e oggi grandi maestri Davide Oldani e Davide Comaschi. Gino Fabbri e Davie Comaschi che preparano la torta tenerina, una sfilata di abiti di cioccolato realizzati dai maestri pasticceri AMPI assieme gli studenti della Naba e perfino l’improbabile coppia Knam – Emis Killa che preparano una pralina al Moscow Mule a ritmo di rap :/

 

marchesi-massari-oldani-e-comasch-salon-du-chocolat2017i

Foto di Freedot

comaschi-e-fabbri-salon-du-chocolat-800x534

Foto di Freedot

Rap_003.jpg

Foto di Freedot

 

Ovviamente meritano di essere citati anche i pluripremiati Tavoletta d’Oro 2017 Amedei, Slitti, Domori e Sabadì che producono un cioccolato di qualità e bontà indiscutibili e l’irresistibile photoboot “Giardino dell’Amore” promosso per pubblicizzare la Chocolate Academy Milano di Comaschi.

 

Jpeg

Foto di Valeria Passaretta

img_20170211_141815_607

Foto di Valeria Passaretta

 

Al di là degli show e dei grandi nomi una delle aree che mi ha colpito di più è stato quella dedicata ai paesi principali produttori di cacao, Perù, Camerum, Venezuela, Togo con stand informativi e didattici e una selezione dei loro prodotti. Oltre al “Villaggio Bean to Bar”, uno spazio a cura di Fermento Cacao che raccontava il processo di produzione del cioccolato, dal seme di cacao alla trasformazione e lavorazione in tavoletta. All’interno di quest’area i protagonisti delle piantagioni spiegavano le diverse qualità di cacao, l’attenzione e la lavorazione della materia prima che permettono la trasformazione del cacao in cioccolato.

 

Jpeg

Foto di Valeria Passaretta

 

Qui ho rincontrato una vecchia conoscenza: Andrea Mecozzi di Chocofair che si occupa di commercio equo e solidale del cioccolato con il quale lo scorso anno avevo fatto un mini training sulla produzione del cioccolato. Si allega video di bambina felice all’opera

Come si fa il cioccolato? – Salon Du Chocolat

Quello che mi colpisce di più di Andrea è la passione e l’impegno che mette nel suo lavoro, ed è una cosa che si percepisce dalla luce nel suo sguardo mentre racconta del progetto ChocoTogo, una cooperativa di produttori di cioccolato artigianale di tradizione atzeca nella regione del Plateaux togolese. Il progetto mira a portare la conoscenza del processo di produzione del cioccolato in un paese con disponibilità di materia prima e di condizioni ideali per una produzione di qualità, ma che per anni è stato sfruttato dai colonizzatori che hanno sempre tenuto nascosti i processi produttivi per alimentare la dipendenza dalla madrepatria. Questo progetto ha permesso a giovani locali di partecipare a programmi di formazione ad hoc in Italia a Modica e a Perugia per acquisire i processi di produzione del cioccolato e dare vita ad alcune realtà produttive locali che si sono poi specializzate. Vi rimando al sito di Chocofair per saperne di più.

Jpeg

Foto di Valeria Passaretta

 

Altra novità di quest’anno che ho apprezzato particolarmente è stata l’attenzione verso gli aspetti nutrizionali e salutari del cioccolato raw – vegan. Ho avuto modo di assistere al cooking show di Stefano Broccoli pasticcere Vegan e di conoscere la Funny Veg Academy, una scuola di cucina che fa anche corsi di pasticceria vegana.

 

16708746_1351251018283294_650293306304703443_n

Foto di Funny Vegan

 

Tra gli stand di produttori di cioccolato raw-vegan due sono quelli che, a mio avviso meritano di essere citati: il laboratorio romano Cacao Crudo già premiato al Sana 2014 che utilizza esclusivamente pregiato cacao mono-origine dal Perù, nella varietà Criollo e la start-up Veronese Vivoo Re-Evolution Cioccolato Raw + Superfood di cui ho avuto l’occasione di assaggiare diversi prodotti e di cui parlerò in un post dedicato.

 

 

Divertente ed educativa l’area dedicata ai bambini Kids Chocoland gestita dal Parco della Fantasia di Gianni Rodari. Un’ esperienza alla scoperta di questo prezioso alimento con laboratori dedicati alla manipolazione, attività ludiche a tema e realizzazione di personaggi fantastici attraverso ingredienti come il riso soffiato e il cacao.

Personalmente sono rimasta molto soddisfatta della manifestazione di quest’anno che ha riunito tradizione ed innovazione nella produzione di cioccolato attraverso le storie e i prodotti di grandi eccellenze e nuove realtà produttive, riconfermando come il cioccolato possa essere, prima di tutto, un grande passione.