Zuppa di miso: la ricetta per farla a casa

Zuppa di misoIMG_4390Zuppa di miso

L’anno nuovo è iniziato da un paio di settimane e, tra chi non si è ancora ripreso, chi si è iscritto in palestra e chi sta già pensando al prossimo viaggio, tutti hanno ripreso le loro attività. Fatto sta che, digeriti i pranzi con i parenti, panettoni, torroni e leccornie varie, in tanti si ritrovano con qualche chilo di troppo o semplicemente hanno voglia di piatti più leggeri ma hanno bisogno di energie per svolgere le attività giornaliere al meglio. Io per esempio da qui a Luglio ho una marea di corsi di cucina e pasticceria da seguire, cucinerò tantissimo ma mi tocca anche tornare sui libri a studiare!

Per cominciare al meglio questo nuovo anno voglio consigliarvi un piatto che è un po’ la base della cucina macrobiotica e che da qualche mese ho iniziato a preparare quasi tutti i giorni. Sto parlando della famosa zuppa di miso, in giapponese misoshiru.

Il nostro corpo ha bisogno quotidianamente di cibo con una forte carica energetica che ci aiuti a rimanere in equilibrio con l’ambiente esterno. Nella visione macrobiotica, la salute viene considerata come l’equilibrio dell’organismo con l’ambiente. Si tratta di un equilibrio dinamico, non statico, che va ricercato quotidianamente soprattutto attraverso il cibo. La zuppa di miso rappresenta uno dei cardini fondamentali di questa ricerca quotidiana di equilibrio e di salute ed è  molto di più di un piatto tipico della cucina giapponese, è il cibo “di casa” di ogni famiglia, preparato in modo diverso da ogni mamma ad ogni pasto.

La zuppa di miso base è un brodo che viene preparato con una radice allungata (per esempio la carota) e una verdura tonda (come la cipolla) a queste si possono aggiungere delle foglie verdi (come quelle del cavolo cinese, della catalogna, delle foglie di ravanello o di carota). Poi si aggiungono il miso, l’alga wakame e un tocco finale aggiungendo del cipollotto fresco, o del prezzemolo, o del succo di zenzero, per esempio.

Il miso, che si può trovare in tutti i negozi di cibo biologico, come Naturasì, Biomì etc… è un fermentato della soia al quale sono aggiunti anche altri cereali come riso o orzo. Le versioni mitigate con i cereali (io uso quello di riso – Genmai) hanno un sapore più delicato e leggero, a differenza del miso di sola soia che è famoso per il suo sapore particolarmente intenso.

A livello nutrizionale il miso è ricco di enzimi fondamentali per l’equilibrio della flora intestinale, tra cui i Lattobacilli; contiene vitamine del gruppo B, sali minerali e proteine. Migliora la digestione, rinforza il tubo digerente, le difese immunitarie, aiuta a disintossicare il fegato e quindi migliora la salute di pelle e capelli. Per mantenere intatte le sue proprietà non deve essere bollito; si usa sciolto in poca acqua calda ed aggiunto a fine cottura non solo alla zuppa di miso, ma a qualsiasi altra zuppa o minestra, ecc. L’alga Wakame invece rilascia una mucillaggine che riveste le pareti del tubo digerente proteggendolo da irritazioni e infiammazioni. E’ ricca di sali minerali come calcio, ferro e magnesio, di vitamine del gruppo B e della vitamina C. Come tutte le alghe stimola il metabolismo e la disintossicazione, favorendo l’eliminazione di grassi, tossine, scorie radioattive e metalli pesanti. Del miso ci sarebbe da parlare per ore, è un alimento incredibilmente ricco di proprietà nutritive, molto saporito e facile da usare. E’ un peccato che sia ancora troppo poco conosciuto sulle nostre tavole.

Questa semplice zuppina, che si prepara in dieci minuti, può sembrare un semplice brodino caldo composto da alcuni strani ingredienti. Invece è un prezioso alleato per combattere gli effetti dell’inquinamento, dello stress e degli eccessi alimentari. Insomma è una sorta di ricostituente naturale. Io da quando lo consumo mi sento decisamente meglio, oltre al fatto che è una zuppa calda deliziosa per questi periodi freddi.

Insomma se vi ho incuriosito, se siete di quelli che al ristorante giapponese ordinano sempre la zuppa di miso senza avere la più pallida idea di come sia fatta o se semplicemente avete voglio di sperimentare un nuovo piatto, questa versione casalinga della zuppa di miso dovete provarla!

Ingredienti per 2 persone:

– 2/3 cm di alga wakame secca
– 1 cipolla
– 1 carota tagliata a rondelle
– 500/800ml di acqua
– 1 o 2 cucchiai di miso di riso o d’orzo
– cipollotto fresco o altri aromi a piacere

Preparazione:

Mettere a bagno l’Alga Wakame per 5/10 minuti. Portare l’acqua a bollore e nel frattempo tagliare sottilmente le cipolle e tagliare a rondelle fini le carote. Se volete potete aggiungere anche altre foglie verdi di cavolo, di ravanello, di sedano etc…). Quando l’acqua bolle butta le verdure e l’alga tagliata a striscioline e lascia cuocere a fuoco baso per 5-10 minuti, fino a quando le verdure sono morbide. A questo punto sciogli il miso in una ciotola con un po’ d’acqua di cottura e aggiungilo al brodo. Di solito si utilizza 1 cucchiaio per persona ma dipende dal tipo di miso. Lasciar sobbollire ancora 1 minuto e spegnere. Si serve in ciotoline come apri-pasto con del cipollotto tagliato fine o del prezzemolo.

Annunci