Coltivare la gratitudine

Riso integrale con verdure

Oggi negli Stati Uniti è Thanksgiving Day. Non è una tradizione arrivata anche in Italia ma il messaggio originario, che io leggo dietro a questa festa, varrebbe la pena di essere celebrato dovunque.

Tacchini a parte… il fatto che il paese più materialista del mondo si fermi per ben 2 giorni ogni anno per permettere alle famiglie di riunirsi, condividere tutto quello che c’è di buono nelle loro vite, sembra troppo bello per essere vero… eppure è così!

Naturalmente gli americani moderni hanno messo l’enfasi sul tacchino, ma dubito che i primi Europei sbarcato in America potessero cacciare esemplari a sufficienza per offrirne a tutti durante la loro festa! Piuttosto, ci si riempiva la pancia di mais, zucca e fagioli che gli Indiani (che poi sarebbero i veri Americani) insegnarono loro come coltivare.

Io credo che il vero significato di questa festa e il suo valore stiano nel sentimento che celebra: la gratitudine. Il fatto che tutto ruoti attorno al cibo fa riflettere, cibo e gratitudine vanno a braccetto, la natura dà e noi raccogliamo. Questo concetto è la base dell’insegnamento di Georges Ohsawa, il padre della macrobiotica.

L’idea che mi sto facendo, frequentando questo corso di cucina naturale, è che la macrobiotica sia una disciplina preziosa che però fatica ad affermarsi come filosofia credibile. In molti la vedono come una “setta” anche a causa si persone che sono attirate dal desiderio di ottenere certezze e “la verità” da figure onniscienti.

Io credo invece che l’intento e l’insegnamento di questa disciplina possa racchiudersi in dei detti più famosi di Ohsawa: “un chicco – 10,000 chicchi”. Da un chicco la natura ce ne dà 10,000, questo è l’ordine naturale della vita. Se davvero vogliamo tentare di vivere in sintonia con noi stessi, con gli altri e con la natura, forse dovremmo imparare a coltivare la gratitudine, senza dogmi, verità assolute o pretese eccessive.

Io oggi ho deciso di nutrirmi così, con un semplice un piatto di riso integrale saltato con verdure e pensieri positivi anziché tacchini.

Riso integrale saltato con verdure

Ingredienti (x2)

– 8 cucchiai di riso integrale
– 1 cipolla
– verdure miste tagliate a tocchetti (carote, carote viola, zucchine, cavolfiore, cavolo bianco, verde, viola e arancio)
– 1 cucchiaio di salsa shoyu (salsa di soia)
– 1 cucchiaio di olio d’oliva

Preparazione

Spennellare una padella con l’olio e riscaldare per un minuto. Aggiungere le verdure e lasciarle scottare fino a quando non sono al dente. Nel frattempo cuocere il riso in acqua salata, scolarlo al dente tenendo un po’ di acqua di cottura. Aggiungere il riso e l’acqua di cottura assieme alle verdure e cuocere a fuoco basso per 10-15 minuti. Aggiungere la salsa shoyu e cuocere per altri 5 minuti. Mescolare riso e verdure a cottura ultimata e servire.

Si tratta di un piatto semplicissimo che si può preparare con le verdure preferite e arricchire a piacimento con aromi e spezie, io ho aggiunto una manciata di alghe nori.

Happy Thanksgiving! 🙂

Annunci